Sei abbastanza fortunato da possedere un terrazzo! Hai l’opportunità di fare colazione all’aperto sul tuo piccolo pezzo di natura in città. Ma fai attenzione a non trasformarlo in uno spazio di archiviazione fuori controllo: rischi di rovinarlo di essere soggetto a commenti dei tuoi vicini.

 

1- Cosa ti è permesso mettere sul tuo terrazzo?

Contatta il tuo municipio, i tuoi vicini o la proprietà per maggiori informazioni. Cosa ti è permesso mettere o appendere sul tuo balcone? Ci sono dei limiti da rispettare in termini di peso o altezza delle piante?

Asciugatura del bucato? Mini orto o frutteto? Bicicletta? Barbecue? Compostaggio? A seconda di cosa ti è permesso fare, potresti dover rinunciare a determinate attività.

 

2- Cosa vuoi fare con il tuo terrazzo ?

Un mini giardino o un vero salotto esterno? Avere accesso o sfruttarlo per la vegetazione?

A seconda della tua scelta (e considerando la dimensione del tuo terrazzo), dovrai scegliere tra vasi di piante che metti a terra (pensa all’annaffiamento!) O fioriere per balconi che attaccherai alle inferriate.

Preferisci un terrazzo con una prospettiva aperta o uno spazio privato? Per limitare i vicini che guardano dentro, controlla se ti è permesso installare schermate che dovrai fissare permanentemente alle ringhiere. Se questo è proibito, alcuni cespugli a crescita rapida, come il bambù, faranno il lavoro.

 

3- Proteggere ciò che rimane all’esterno

Le condizioni sono difficili se il tuo terrazzo è in città: ci potrebbe essere molto sole, vento e pioggia.

Dovrai quindi concentrarti sulla protezione degli oggetti che rimangono all’esterno in qualsiasi condizione atmosferica, o in alternativa pianificare di portarli dentro alla fine dell’autunno.

Prendiamo ad esempio i mobili per esterni: il minimo necessario per sfruttare al massimo il vostro balcone sono due sedie e un tavolino. Se desideri lasciarli fuori per tutto l’anno, scegli materiali resistenti all’umidità e al freddo. O semplicemente scegli mobili pieghevoli che puoi riporre in casa durante l’inverno.

Se hai allestito un angolo accogliente con coperte, cuscini e una bella tovaglia, mettili via tutti la sera in una scatola di plastica su ruote che puoi spostare come preferisci. Oppure allestisci una cassapanca che può essere utilizzata anche per sedersi e può rimanere fuori tutto l’anno.

Come cultore del giardino hai scelto con cura le tue fragole, i pomodori e le erbe aromatiche. Tuttavia, se vuoi che il tuo balcone rimanga piacevole da guardare, pensa a tutti gli strumenti che dovrai essere tenere: annaffiatoi, fertilizzanti, supporti vegetali, altri attrezzi da giardino così via. Tutto questo può essere facilmente riposto in diverse scatole di plastica trasparenti o colorate con coperchi. Sentiti libero di trasferire compost, sabbia e terra in scatole di plastica dalla stessa gamma: l’effetto complessivo sarà più armonioso.

I caschi e le giacche da bici, i pattini a rotelle ecc. Possono essere protetti nello stesso tipo di contenitori.

 

4- Come conservare le scatole su un balcone?

Queste scatole devono essere posizionate su scaffali. Se puoi, scegli scaffali con vari livelli regolabili da mettere a ridosso del muro: non c’è mai abbastanza spazio per conservare tutte le nostre cose. In caso contrario, scegli cassapanche che puoi posizionare ai piedi della ringhiera.

È inoltre possibile fissare mensole a muro con staffe per riporre le piante e le scatole di stoccaggio.

Infine, per una protezione ottimale, anche un armadio in plastica svolgerà altrettanto bene il lavoro. Sono disponibili in varie altezze, larghezze e finiture per integrarsi perfettamente con il tuo terrazzo.